E ancora in rodaggio ma già promette molto bene,suono limpido,bassi ancora non ben definiti ma rispetto ai primi ascolti già molto cresciuti,confido in ulteriori miglioramenti se ciò avverrà,e sono certo che avverrà, sarà perfetta,costruzione impeccabile.

Ho acquistato parecchie cose su amazon (musica, libri, strumenti etc) e della maggior parte non ho perso tempo a lasciare recensioni (che trovo spesso inutili vista la variabilità di gusto e capacità di ascolto, per non parlare di alcune che evidentemente sono scritte da personalità narcisistiche patologiche). Ma questa volta mi sento in dovere di dare la mia impressione. Budget di 200 euro per una cuffia da usare esclusivamente in camera da letto quando voglio ascoltare musica in santa pace: la cuffia è solo per voi, perchè fa sentire cosa ascoltate a chi è vicino e gli altri che parlano vi disturbano. Sono abituato ad ascolto cuffie sony e sennheiser, ultimamente ad akg (più economica). Il mio amico ingegnere che lavora in una grossa ditta olandese (molto ingiustamente sottostimata per quanto concerne alcuni prodotti hi-fi) mi ha spiegato quante possono essere nella realtà le diverse cuffie di una ditta e la loro collocazione in fascia di prezzo: molte meno di quelle a catalogo, dove si differenziano per componentistica che non interferisce con la resa sonora dell’oggetto in sé. Così dopo aver sentito le solite cose (fate voi il brand) in negozio, e avendo sentito modelli “più economici” di akg ho optato per queste: e sono assolutamente soddisfatto. Spiego il perchè (non necessariamente in ordine di importanza):1: sono grandi ma leggere e comodissime per il mio testone (qualche esteta potrebbe trovarle “plasticose”: no comment) anche per ascolti prolungati2: sono dettagliate: ho riscoperto vecchi cd che non ascoltavo più (con alcuni pezzi di musica da camera vi viene il dubbio che manchi un pò di pece sull’archetto), con qualche squinternato gruppo inglese scomparso dalla circolazione sentirete sonorità cui non avevate mai fatto caso. 3: finalmente sono calibrate (anche per le dannate voci): se ascoltate sandrine piau andate in paradiso, finalmente sentite robert plant (led zeppelin) come si deve (in particolare con una signora masterizzazione come mothership). Se ascoltate i pink floyd vi verrà da chiedervi che aveva fatto di male clare torry ai tecnici del suono quando cantò in the great gig in the sky (il resto del disco è bellissimo si intende).

AKG K 702 Cuffie tradizionali

  • Clicca qui
    per verificare la compatibilità di questo prodotto con il tuo modello
  • AKG K 702 Cuffie tradizionali
  • Incluso adattatore stereo (1/8 “a 1/4”)
  • 62 Ohm impedenza, 200 mW max input. 10 Hz – 39.8 mHz frequenza

Al momento le sto rodando e staranno al massimo sulla 20-30 ore di cui 16-20 fatte da me , le altre ore no perchè le ho comprate usate ma di pochi giorni. Sicuramente erano quasi inutilizzate perchè il cavo aveva ancora la tipica puzza di nuovo nonchè aveva gli adesivi sopra. Appena inserite nel mio amplificatore ero sorpreso per quanto fossero piatte come suono ancora poco aperto e poco arioso e molto freddo. Ho subito capito quindi avendo un amplificatore valvolare che fossero molto energivore perchè neanche le mie hd600 ancora in rodaggio inserite nell’amp suonavano così fredde nonostante i 300 ohm . Queste hanno solo 62 ohm ma non bisogna lasciarsi ingannare dalla relativa bassa impedenza in quanto nei device mobili suonano ancora più piatte ed al massimo del volume non sono neanche tanto forti . Comunque dopo 2 giorni noto che già si stanno aprendo e noto molo i bassi pronunciarsi nonostante vengano definite da molti deboli nelle basse frequenze. Non sono un esperto audiofilo ma solo appassionato e prima di averle reputavo le hd600 molto analitiche ma dopo aver ascoltatato queste mi devo ricredere . Le sennheiser hanno una maggiore enfasi sui medio-bassi e in generale sembrano alle mie orecchie di avere un suono più colorato e caldo ,noto anche una migliore definizione degli strumenti , sono un po’ più chiari ,siccome le ho ricevute senza la confezione originale ho avuto un ulteriore sconto di 32 euro e per 130 euro non posso che essere super soddisfatto .Perchè nonostante le abbia pagate quasi un terzo delle hd600 devo dire che la qualità del suono non è per nulla inferiore ma soltanto diverso molti dicono che dopo 300 o 500 ore il suono migliori ulteriormente , io non posso che augurarmelo e sperare di raggiungerle per massimo fine aprile anche se è quasi impossibile per me non potendole tenere sempre 24 ore su 24 a suonare essendo aperte , e quindi si sentono anche in altre stanze quando regna il silenzio .

Descrizione prodotto, AKG K702 RIFERIMENTO OPEN-BACK SOPRA orecchi Studio Cuffie – 62 ohms, 105 dB SPL / V, OPEN-BACK SOPRA orecchi design – Diaframma di due-strato Varimotion brevettato per una migliore gamma ad alta frequenza e migliore campo alle basse frequenze – UNICO cavo-piatto VOCE Avvolgimento per maggiore sensibilità e TREBLE Response – 10Hz – 39800hz AUDIO larghezza di banda – Appositamente forma 3d-foam SPUGNETTE AURICOLARI PER OTTIMALE vestibilità e sollievo di utilizzo

Contenuto della confezione,

  • Cuffie
  • Adattatore stereo (1/8 “a 1/4”)
  • Scheda di garanzia
  • AKG K 702 Cuffie tradizionali : Come premesso, non mi ritengo un audiofilo, ma mi piace ascoltare la musica, di tutti i generi, con il miglior rapporto qualità/prezzo possibili. Senza andare a spendere cifre fuori da ogni standard, ritengo queste cuffie il miglior prodotto. Sono comode da indossare e non pesano molto. Unico difetto hanno il padiglione molto ampio, quindi possono risultare ingombranti, se volete come me appoggiare la testa su di un cuscino mentre ascoltate la musica, si possono spostare in avanti. In merito al suono piatto, io lo ritengo un pregio assoluto. La musica deve uscire il più pulita e fedele possibile, come da studio l’hanno progettata. Se volete intervenire sul suono modificandolo (e quindi a mio parere rovinandolo), dovete intervenire su un eventuale equalizzatore, non sulle cuffie. Per quanto riguarda i bassi, non sono affatto bassi di volume. Sono le mode degli anni nostri che pretendono bassi ad alto volume.